Noi italiani neri

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Noi italiani neri. Storie di ordinario razzismo è l'ultimo libro dello scrittore di origine senegalese, già autore di un fortunato romanzo, Io venditore di elefanti, che ha inaugurato il fenomeno della "letteratura della migrazione" nel 1990 e che è stato ripubblicato a distanza di anni da Baldini&Castoldi. Con questo nuovo testo, che difficilmente rientra in una categoria precisa, come quella del romanzo, dell'autobiografia o della cronaca, dato che le incrocia tutte, leggiamo cosa significhi essere italiani neri: rimbalzare, anche ferendosi - e non solo metaforicamente - su un muro di ignoranza, ottusità, razzismo. Razzismo deriva da razza, parola forte oggi, fuori moda e poco menzionata. Tuttavia di questo trattano le storie che il libro raccoglie, raccontate in prima persona dall'io narrante, nella forma di lettere scritte a un giudice: storie che parlano di come ancora per molti italiani i neri siano una razza inferiore rispetto a quella bianca, che non può mescolarsi ad essa, basandosi sull'assunto che le razze esistono e dunque diviene impossibile per una persona di un colore diverso dal bianco venire riconosciuta italiana. Gli italiani sono solo bianchi.

Posizione

Italia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo: storie di ordinario razzismo
  • Autore principale: Pap Khouma
  • Luogo di pubblicazione: Milano
  • Editore: B. C. Dalai
  • Data di pubblicazione: 2010
  • Lingua/Dialetto: Italiano
  • Consistenza: 159 p. ; 21 cm
  • Note: Collocazione: 304.82 KHO
  • Livello bibliografico: Monografia
  • Tipo di documento: Volume
  • Attualmente disponibile in: Biblioteca A. Arduino

Archivio Partecipato

Ricerca nell'archivio

Filtra per Tag

Cerca in Opac SBN

Guida all' Archivio

tasto-GUIDA