Image

Chi Siamo

La Rete Italiana di Cultura Popolare è un’associazione di promozione sociale che ha sviluppato sul campo progetti capaci di ascoltare e di affiancare le comunità locali, a partire dallo studio dei riti e delle feste tradizionali, al modo in cui si costruiscono sentimenti di appartenenza o viceversa di estraneità, alle condizioni e risorse di integrazione e inclusione.

La Rete è un laboratorio composto da enti, associazioni, scuole, gruppi e singoli cittadini che partecipano all'ideazione e (re)invenzione di nuove forme di comunità, partendo dai bisogni che emergono dalle narrazioni di chi abita i territori.

Presidente Chiara Saraceno

Vice Presidente Daniele Valle

Consiglieri

Paola Francesca Leon

Serena Foracchia

Ezio Dema

Direttore

Antonio Damasco

Delega specifica “Intercultura” a Serena Foracchia

Antonio Damasco
Direzione 

Viola Ottino
Progetti
organizzazione@reteitalianaculturapopolare.org
+39 3935766183

Irma Bechis
Segreteria
segreteria@reteitalianaculturapopolare.org
+39 3883275068

Barbara Lucisano
Amministrazione
amministrazione@reteitalianaculturapopolare.org
+39 3922513436 

Martina Cocco
Amministrazione
amministrazione@reteitalianaculturapopolare.org  

Elhadj Oumar Sow
Ufficio Tecnico
tecnica@reteitalianaculturapopolare.org

Nezha Mousaif
Organizzazione
info@spacciocultura.it

Stefania Aoi
Ufficio stampa
ufficiostampa@reteitalianaculturapopolare.org

La storia della Rete

2018

Viene creata la piattaforma “Portale dei saperi”, il main partner è Fondazione Vodafone Italia, è attualmente attivo in tre territori: Valle Susa, Valle Sacra e il quartiere Aurora di Torino, quest’ultimo ideato, realizzato e sostenuto da Lavazza. In meno di un anno sono state raccolte più di un centinaio di videointerviste tra fasce deboli della popolazione e gli imprenditori locali. Il Portale è uno strumento di innovazione culturale ideato all'interno dei dispositivi del Progetto Colibrì. L’obiettivo è quello di creare un’interazione tra tutti i soggetti che vivono in un territorio circoscritto restituendo il concetto di “comunità di prossimità”.

 

Aderiscono al progetto “Indovina chi viene a cena?” le aree dell’alta e bassa Val di Susa e Valle Sacra con i Comuni di Bardonecchia

 

Prosegue con il Polo del ‘900 la collaborazione sull’attivazione di comunità con gli incontri “Diario intimo di un territorio” realizzati in collaborazione con soggetti appartenente al mondo formativo, performativo e istituzionale

2018

2017

Nasce Il progetto Album di famiglie (S)confinanticonsistente quindi nella realizzazione di una mostra narrativa e itinerante che racconta le memorie sulle mobilità e sulle emigrazioni e immigrazioni nella città di Torino, presentato durante la XII edizione del Festival delle Culture Popolari, e al quale collaborano, oltre alla cittadinanza attiva,  la Città di Torino e le sue circoscrizioni, l’Archivio Storico della Città di Torino, l’Archivio di Stato di Torino, l’Archivio dei Diari di Pieve di Santo Stefano, l’Archivio Nazionale del cinema d’impresa di Ivrea, il Polo del ‘900 e l’Istoreto.

 

Il Fondo Tullio De Mauro trova definitiva collocazione nella nuova sede posta nel centro di Torino, all’interno della Galleria Tirrena, in via dell’Arsenale 27, scala E, nei locali della Fondazione CRT, sostenitrice del progetto. Viene costituito, nell’ambito dell’annuale edizione del Festival delle Culture Popolari, il Comitato Scientifico costituito da Silvana Ferreri De Mauro , donatrice, docente di Didattica delle lingue moderne dell’Università della Tuscia, Giovanni De Mauro, direttore della rivista “Internazionale”, Giovanni Solimine, docente di Archivistica, bibliografia e biblioteconomia dell’Università La Sapienza. Angela Ferrari, docente di Linguistica Italiana dell’Università di Basilea, Marino Sinibaldi, direttore di Rai Radio 3, Tullio Telmon, professore emerito dell’Università degli studi di Torino, Gaetano Berruto, professore emerito dell’Università degli studi di Torino.

 

La Rete di Cultura Popolare diventa partners del progetto Europeo “Specially Unknown”, cofinanziato nell’ambito del programma AMIF (Asylum, Migration, Integration Fund), il cui capofila è la Fondazione BMP di Amsterdam e partners Association Générique di Parigi, LWL- Industrie Museum Zeche Hannover di Bochum, Red Star Line Museum di Anversa.    Il progetto si sviluppa tramite  interviste raccolte presso i  rifugiati ,  prevalentemente provenienti dal Corno d’Africa e Africa sub-sahariana, per la diffusione di storie e saperi  , da salvaguardare negli archivi istituzionali delle città coinvolte, rilevando  l’importanza che queste storie rappresentano nella costruzione collettiva dell’eredità culturale delle città in cui vivono, produce senso di appartenenza ed inclusione a vantaggio dell’intera comunità locale.

 

Viene definito il progetto Colibrì, come estensione della precedente proposta Confini del 2016, sullo sviluppo di progetti di welfare e cura della comunità che prevede collaborazioni su differenti attività in collaborazione con Università di Torino, Lavazza, Fondazione Vodafone Italia, Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Camera di Commercio di Torino e Fondazione Bracco.

 

Aderiscono al progetto “Indovina chi viene a cena?” i territori del Canavese con i Comuni di Ivrea, Barone, Caluso, Candia, Foglizzo, Mazzè, Mercenasco, Montalenghe, Orio, San Giorgio, San Giusto e Vische.

 

Con il Polo del ‘900 vengono avviate collaborazioni all’insegna della cura di comunità, quali “Io spaccio cultura e “Chi è di scena”, all’interno dei bandi Open, promossi dalla Compagnia di San Paolo, che vedono coinvolta la cittadinanza e la comunità di prossimità

2016

Durante l’edizione annuale del Festival delle culture Popolari, viene lanciato in via sperimentale il progetto Dona la voce, con lo scopo di costituire un archivio sonoro di lingue e dialetti, tramite la raccolta di brevi brani (poesie, filastrocche, ninnenanne) tramite l’archivio partecipato on-line della Rete.

 

Viene firmato il protocollo d’intesa con il Sistema Bibliotecario dell’Area Metropolitana torinese, per la creazione delle Bibliomediateche, come selezione all’interno delle rispettive sedi di percorsi d consultazione sulle tradizioni popolari, lingue e dialetti.

 

La Rete Italiana, grazie al patrimonio del Fondo Tullio de Mauro, entra a far parte del Polo del ‘900, centro culturale aperto alla cittadinanza, con i primi 19 Istituti partners proprietari di patrimoni di patrimoni bibliotecari e archivistico sulla storia del ‘900, collocato presso quartieri juvarriani nei palazzi di San Celso e San Daniele, nel centro storico di Torino. Nasce la prima edizione del “Borgo dei narratori”, che vede coinvolte le aree e le comunità di prossimità, con la con la collaborazione di scuole, esercizi pubblici, cittadinanza e attività laboratoriali e performative

2016

2015

Giungono a Torino il corpus bibliotecario e la sezione archivistica del Fondo Tullio De Mauro che trova come prima sede, inaugurata alla presenza di Tullio De Mauro e Silvana Ferreri, la palazzina sita in Via Borsellino 17/c messo a disposizione della Fondazione CRT, sostenitrice del progetto sin dalle origini.

 

Prende il via, nel mese di giugno, il campus annuale, come progetto di formazione permanente sulla cultura popolare, organizzato con il sostegno della Fondazione Cariplo, presso la cui sede milanese si tiene la presentazione, ed in collaborazione con la Comunità Montana del Triangolo Lariano, in particolare con il Comune di Canzo e la partecipazione degli Istituti scolastici locali.

2014

Campus scuola – Viene realizzato in occasione del 22° anniversario della strage di Via Amelio a Corleone, coinvolgendo anche i paesi di Bisacquino e Palazzo Adriano, in provincia di Palermo, avendo come punto di partenza il C.I.D.M.A. (Centro Internazionale di Documentazione sulle Mafie e del Movimento Antimafia) dove si trovano una parte della documentazione derivante dal Maxi Processo condotto dai Giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Le tematiche oggetto del Campus si riferiscono alla “cattiva maestra tradizione”, con analisi e riflessioni sui rapporti tra tradizione popolare e mafia, linguaggi e ritualità.

2014

2013

Viene creato l’Archivio partecipato come piattaforma web condivisa, dove trovano posto testi, articoli, archivi fotografici e video, giochi, feste, materiale a vario titolo sulle tradizioni popolari, grazie alla collaborazione di giornalisti, ricercatori, ma anche di cittadini comuni che contribuiscono anche con testimonianze personali.

 

Il Campus Scuola si sviluppa in Molise sulle tematiche delle fiabe , giochi e demolatria nella cultura popolare molisana e strumenti musicali e il coinvolgimento dei Comuni di Montaquila, Rocchetta a Volturno, Sessano, Chiauci, Pesche, Castelnuovo al Volturno, Vastogirardi, Carpinone, Jelsi e Roccasicura, con la partecipazione di giornalisti, ricercatori, etnomusicologi e performers locali.

 

La Biblioteca delle Rete Italiana di Cultura Popolare, costituita da alcune migliaia di volumi su riti, tradizioni e numerose forme espressive nei vari dialetti (poesie, fiabe, musiche) raccolti nel corso degli anni e derivanti dai rapporti di collaborazione attivati con enti pubblici e privati diffusi sul territorio nazionale tramite il Festival delle Province e il Festival dell’Oralità Popolare, entra a far parte del circuito bibliotecario della Regione Piemonte

 

Il progetto Testimoni della Cultura Popolare è integrato con la sezione Cercatori di traccia, come ricercatori ed elaboratori del materiale demo-etno-antropologico e studiosi del territorio di riferimento

2012

Il professor Tullio De Mauro e la moglie Silvana Ferreri donano alla Rete Italiana di Cultura Popolare un patrimonio bibliotecario di alcune migliaia di titoli, frutto della raccolta e del lavoro compiuto in oltre 60 anni di attività dall’esimio linguista: libri, opuscoli, documenti di “letteratura grigia” relativi ai dialetti italiani e alle lingue di minoranza, dizionari dialettali, testi letterari, raccolte di filastrocche, proverbi, racconti e fiabe, insieme con un’edizione originale in ottava rima napoletana de la “Gierusalemme liberata” e dell’”Eneide”.

 

Il 20 giugno viene ratificata a Sassari, con il patrocinio della Provincia, socia fondatrice della Rete Italiana di Cultura Popolare, la ”Carta dei valori” che dà origine alla Rete Euromediterranea, siglata dai rappresentanti della Grecia (Città di Pilea Hortatis, Festival di Kilkis), del Marocco con la Città di Fez (Fondation Esprit de Fes- Festival Amazigh), della Spagna con la Generalitat de Catalunya (Città de l’Escala, FestIval Portalblau), le province di Sassari, Firenze, Rieti, Cosenza, la città di Salerno, i consorzio Assomab del Molise con lo scopo di  realizzare studi, ricerche e progetti culturali per la promozione, lo sviluppo e la diffusione della Cultura Popolare nell’area euro-mediterranea e la creazione del Festival itinerante euro-mediterraneo.

 

Viene realizzata l’annuale edizione del Campus Scuola, in tre diverse aree nazionali: ritorna a luglio nel Fortore, tra il beneventano e il foggiano, nei Comuni di Apricena, Biccari, Orsara di Puglia, con attività laboratoriali sulle tradizioni popolari, prosegue nel mese di settembre in collaborazione con la Rete della Poesia  braccia della Provincia di Rieti e dell’Aquila, nei Comuni di Borbona (RI), Leonessa (RI), Posta (RI), Accumoli (RI), Cittareale (RI),  Montereale (AQ) ed infine nell’Anfiteatro morenico di Ivrea, presso il Comune di

2012

2011

Durante l’edizione annuale del Festival dell’Oralità popolare “ nasce il progetto “ Indovina chi viene a cena?”, sostenuto dalla Fondazione Crt, grazie alla collaborazione con le famiglie delle comunità provenienti dal Marocco, Argentina, Etiopia, Romania e  Cina, come progetto pilota, unico in Italia, che attraverso la condivisione del cibo, favorisce gli scambi culturali e le relazioni multiculturali. Dall’anno successivo e a proseguire il progetto si estende in regione nel canavese in ambito regionale  e a organizzazioni residenti nella città di Verona, di Alessandria, nell’area grossetana, a Roma, Prato. Dal 2019 è attivo anche nella Valsusa e  nel sud Italia, nelle città di Benevento, Napoli, Foggia, Lecce

 

Prosegue il progetto del Campus Scuola, tornando nell’area del Fortore, tra le province di Benevento e Foggia, coinvolgendo i paesi di San Marco dei Cavoti, Castelvetere in Val Fortore, San Bartolomeo in Galdo, Bovino.

 

In occasione del 150° dall’Unità d’Italia, la Rete Italiana convoca gli Stati Generali della Cultura Popolare. L’iniziativa ha come obiettivo di sensibilizzare sulle tematiche dei patrimoni immateriali l’opinione pubblica , come proposta per le istituzioni pubbliche nazionali ed internazionali e con il fine di creare un percorso condivisile. Partecipano, fra gli altri, Derrick De Kerckhove,Professore presso la Facoltà di Sociologia dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, lo storico e docente universitario Nicola Tranfaglia., il regista, attore, giornalista e drammaturgo Ugo Gregoretti. Gli eventi si concludono con una “lectio magistralis” del linguista Tullio De Mauro sul tema  “La rete delle culture locali e la vita civile ed intellettuale italiana”

2010

Nasce in via sperimentale il primo Campus Scuola. Progetto di formazione permanente per la cultura popolare . Il progetto ha origine dalla necessità di creare nuove esigenze di approfondimento interdisciplinare rispetto ai temi del patrimonio demo-etnoantropologico immateriale per offrire la possibilità ai volontari della Rete ed agli studenti italiani e stranieri di seguire nei mesi estivi specifici corsi di aggiornamento e/o di perfezionamento Campus Scuola _ San Bartolomeo in Galdo e Castefranco in Miscano (BN), Castelvetere in val Fortore, Castelluccio Val Maggiore, Roseto Val Fortore (FG) con interventi sul tarantismo , dialoghi con Roberto De Simone e le guarattelle.

2010

2009

Il 4 giugno , dal Comitato Festival delle Province nasce la Rete Italiana di Cultura Popolare. La sua nascita porta con sé  l’intero bagaglio dei progetti ideati dal “Comitato” ed una reale capacità di dialogare con i territori coinvolti. La  prima partecipazione ufficiale della Rete   viene effettuata durante una tavola rotonda sulla cultura a sistema alla quale partecipano oltre ai responsabili di biblioteche, musei e centri culturali, l’antropologo Piercarlo Grimaldi  dell Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di  Pollenzo, Membro del  Comitato Scientifico,  l’etnomusicologo e ricercatore Luigi Maria Lombardi Satriani, dell’Università La Sapienza di Roma e  Giovanni Kezich,  Direttore del Museo degli usi e costumi della Gente Trentina , Daniela Finocchi ,  ideatrice del  Concorso letterario nazionale “Lingua Madre”.

2007

30 settembre – Si tiene a Roma, organizzata con il patrocinio del Ministero  per i Beni Culturali ,  dell’U.P.I., e del  Comune di Roma  la Giornata della Cultura immateriale dove il Comitato delle Province  porta ai Fori imperiali con un performance itinerante  da tutte le province che aderiscono al Comitato e non solo decine di artisti tra i quali l’Opera dei Pupi catanese di Turi Grasso, gli occitani Gai Saber, i foggiani  Cantori di Carpino, i laziali Ambrogio Sparagna e Giovanna Marini, il gruppo di musica Rom Alexian group, il cantante a attore napoletano  Peppe Barra, la torre umana  danzante dei Pizzichentò e  la macchina a spalla dei Gigli di Nola

2007

2006

Entrano a far parte come soci fondatori insieme alle province di Torino e Cuneo le Provincie di Perugia, di Rieti e di Sassari. Soci sostenitori Provincia di Catania, Provincia di Cosenza, Provincia di Foggia, Provincia di Forlì-Cesena, Provincia di L’Aquila, Provincia di Lecce, Provincia di Modena, Provincia di Piacenza, Provincia di Potenza, Provincia di Roma, Provincia di Rovigo, Associazione Slow Food. Con il sostegno di Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT

 

Il Festival delle province si estende al territorio nazionale e fa circuitare artisti della cultura popolare di fama internazionale: da Ambrogio Sparagna ai Cantori di Carpino, dall’Opera dei pupi , patrimonio Unesco della compagnia catanese del maestro Turi Grasso da  Enzo Jannacci a  Giovanni Lindo Ferretti e  Raiz, front men rispettivamente dei CCCP e Almamegretta, drammaturghi come  Enzo Moscato e Ruggero Cappuccio, attori come Enrico Bonavera e Roberto Herlitzka, grandi compositori e musicisti quali il premio Oscar  Luis Bacalov, Ambrogio Sparagna ,  Avion Travel,  Enzo JannacciMassimo Bubola, il chitarrista Marco Poeta, Francesco Di Giacomo , leader del  Banco del mutuo soccorso, lo scrittore e sceneggiatore Vincenzo Cerami, , Franca Masu, la voce catalana della Sardegna, i Ghetonia con il griko dal Salento, dai toscani  , il Gruppo Spontaneo di Canto a Braccio in Ottava, toscani , reatini e aquilani , gruppi spontanei come i  Trallallallero dalla Liguria e i piemontesi  di Magliano Alfieri, guidati da Adriano Armando, il  Coro bajolese di Amerigo Vigliermo, . il  Gruppo di Canto a Tenore Cunsonu Santu Giuanne di Thiesi, i cugini Nigro, virtuosi della chitarra battente e i  Misuraca , esperti di lira calabrese, dal cosentino, il musicista e poeta, esperto di griot senegalese Badara Sec. Si accompagnano alle attività performative esempi di  cultura gastronomica con la presentazione di piatti  tipici e prodotti  provenienti direttamente dai territori: Amatrice, Carmagnola, Alghero

 

Dal 28 al 30 luglio al Borgo medievale di Torino si tiene la prima edizione del Festival dell’Oralità popolare, che diventa successivamente il Festival delle culture popolari. Un Festival della creatività  , vetrina di arti performative e manuali, occasione per far conoscere, diffondere e tutelare i beni immateriali, lingue e dialetti, riproponendo la  tradizione orale all’insegna dell’innovazione e della modernità dalle poesie a braccio al  canto a tenore, dai canti popolari al free style. Nel corso delle diverse edizioni

 

Viene istituita la Giornata Nazionale della Cultura Popolare identificando nel 13 dicembre una data simbolicamente significativa, la celebrazione di Santa Lucia come figura che dà luce, con lo scopo di illuminare e focalizzare l’interesse sui beni immateriali, una giornata dedicata alla raccolta e diffusione delle espressioni di cultura popolare, durante la quale vengono inoltre annunciati e attribuiti i premi ai Testimoni della Cultura Popolare.

2005

Premio Internazionale dei Testimoni della Cultura Popolare

Viene istituito Premio Internazionale dei Testimoni della Cultura Popolare come  riconoscimento a coloro che si sono particolarmente impegnati a mantenere vive ed a trasmettere le diverse espressioni della cultura popolare del territorio.  Le caratteristiche per essere eletto come Testimone sono: memoria, tradizione, continuità e riproposta e le epressioni possono essere di tipo artistico-performativo, etno-demo-antropologico, artigianale.

Nel corso degli anni, tra i premiati:  l’Opera dei Pupi e il canto a tenore, entrambi patrimoni Unesco, l’etnomusicologo e compositore Roberto De Simone, creatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare e autore dell’opera “La gatta Cenerentola”, il poeta romagnolo Tonino Guerra, la Poesia a braccio di Rieti, la cantautrice Giovanna Marini, il regista di documentari sulle tradizioni popolari Luigi Di Gianni, il folk-singer statunitense Pete Seeger, lo chansonnier torinese Gipo Farassino, il cantautore Fausto Amodei ed Emilio Jona,  creatori dei Cantacronache , gruppo di musicisti, letterati e poeti torinesi dedicati all’impegno sociale. Il conferimento del premio deriva dalla selezione e validazione del Comitato Scientifico costituito da antropologi  e docenti nelle migliori università italiane.

Cattedre Ambulanti di Cultura Popolare

Questa sorta di Università ambulante porta i “Testimoni” nelle università, a tenere lezioni della loro esperienza e dei loro  saperi tramandati oralmente.

2005

2004

Il Comitato Festival delle Province viene presentato come organismo  in seno all’U.P.I, Unione delle Province Italiane. E’ una vera e propria rete culturale nazionale costituita da 16 Province, dall’Associazione Slow Food e dal Teatro delle Forme, accomunate dall’esigenza di restituire valore alle diverse espressioni dei saperi, degli usi e costumi, delle pratiche tradizionali che caratterizzano la quotidiana esistenza delle proprie comunità e dei rispettivi territori.

2002

Nasce a Torino il Festival delle Province, con il nome Festival delle 2 province, in seguito ad un protocollo di intesa tra la provincia di Torino e la provincia di Cuneo. Si tratta dell’unico Festival itinerante dedicato alle tradizioni popolari che ha come scopo quello di creare un circuito tra le culture e le tradizioni che appartengono ai singoli territori, proponendole in altri luoghi e contesti, con lo scopo di dare vita a reti culturali.

2002