Bambini affittati

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Nella quasi totalità delle famiglie contadine di un tempo, soprattutto quelle delle vallate montane e alpine, le uniche cose che si tramandavano da una generazione all'altra, oltre a un po' di terra, erano la miseria e la fame. La scarsità di cibo condizionava l'esistenza fin dalla nascita, e dei tanti figli che venivano al mondo molti morivano giovani a causa di indigenza e malattie. Coloro che sopravvivevano affrontavano quotidianamente il problema di sfamarsi, i bambini per questo venivano mandati via di casa a lavorare: maschi e femmine, fin dagli otto o nove anni, venivano affittati per mesi a famiglie più abbienti le quali, in cambio del loro lavoro, garantivano vitto e alloggio. In un tempo non troppo lontano, l'infanzia finiva presto. Così in primavera, nei mercati e nelle fiere, oltre alle merci, molti contadini cercavano lavoro per i propri figli.

Posizione

12020 Elva CN, Italia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo: Vaché e servente: un fenomeno sociale nel vecchio Piemonte rurale e montano
  • Autore principale: Aldo Molinengo
  • Luogo di pubblicazione: Scarmagno (TO)
  • Editore: Priuli & Verlucca
  • Data di pubblicazione: 2004, 2008
  • Elementi significativi: Collana Quaderni di civiltà e di cultura piemontese
  • Note: Dono della Regione Piemonte
  • Tipo di documento: Libro

Archivio Partecipato

Ricerca nell'archivio

Filtra per Tag

Cerca in Opac SBN

Guida all' Archivio

tasto-GUIDA