Le maestre "cattive"

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Parlando della scuola del passato è troppo facile denunciare la pedagogia autoritaria, bigotta e formalista di allora. Facile pensare a una scuola malata di clericalismo, conformista, incapace di avvertire il disagio degli studenti più indifesi. La figura del docente che giudica, rimprovera, impone il rispetto delle regole e agisce da despota all'interno della classe, ha finito col portare in bella evidenza il luogo comune della "maestra cattiva", capace di essere lapidaria e imporre alle sue classi, paurose e silenziose, giudizi inappellabili. Ma erano davvero così "cattive" e senza cuore le maestre che a inizio Novecento o negli anni del Ventennio facevano apprendistato alla vocazione formativa, con non poca sofferenza, nelle scuole più marginali e povere del Piemonte rurale, in borgate e frazioni di montagna, nelle Langhe, nei rioni più densamente popolati dei paesi in pianura?

Posizione

Piemonte, Italia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo: La scuola piemontese di ieri tra ricerca e testimonianze
  • Autore principale: Bosca Donato, a cura di
  • Luogo di pubblicazione: Pavone Canavese (TO)
  • Editore: Priuli & Verlucca
  • Data di pubblicazione: Anno 2003
  • Elementi significativi: Quaderni di civiltà e di cultura piemontese
  • Note: Dono della Regione Piemonte
  • Tipo di documento: Libro

Archivio Partecipato

Ricerca nell'archivio

Filtra per Tag

Cerca in Opac SBN

Guida all' Archivio

tasto-GUIDA