Mezzadri, letterati e padroni nella Toscana dell'Ottocento

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Copertina Copertina
Il presente volume raccoglie cinque saggi che analizzano il mondo contadino e la cultura popolare nell’Ottocento toscano.
All’ampia Introduzione di Pietro Clemente, che illustra i motivi della raccolta e descrive l’argomento d’indagine, seguono gli studi demologici: 1. I “selvaggi” della campagna toscana: note sull’identità mezzadrile nell’Ottocento e oltre di Pietro Clemente; 2. Il contadino e la città in un Almanacco per il senese: note sull’ideologia del “buon mezzadro” negli scritti educativi per il popolo di Vera Pietrelli; 3. La penna dei padroni e la condizione mezzadrile 1902-1913: note su alcuni intellettuali di provincia nella Val di Chiana in fermento di Mariano Fresta; 4. Canti popolari ed evoluzione della coscienza mezzadrile di Mariano Fresta; 5. La donna contadina. Riflessioni sulla condizione della donna nella famiglia mezzadrile toscana di Mirna Coppi e Gianna Fineschi. 
 

Allegati PDF

Clicca sulla miniatura per aprire l'anteprima

Posizione

Toscana, Italia

Informazioni aggiuntive

  • Autore principale: Pietro Clemente et al.
  • Luogo di pubblicazione: Palermo
  • Editore: Sellerio
  • Data di pubblicazione: 1980
  • Lingua/Dialetto: italiano
  • Livello bibliografico: monografia
  • Tipo di documento: testo a stampa

Archivio Partecipato

Ricerca nell'archivio

Filtra per Tag

Cerca in Opac SBN

Guida all' Archivio

tasto-GUIDA