L'immaginifica storia di Espérer

Categoria
Eventi della Rete
Data
Mercoledì 29 Maggio 2019 21:00
Luogo
Off Topic, via Giorgia Pallavicino 35, Torino

Una nuova isola nasce in Europa: il suo nome è Espérer

L’unico modo per raggiungerla è il “Certificato di Esistenza”

 

 

Espérer è un’isola nata dagli scogli di Ventimiglia e dall’incrocio di molte storie, la prima di queste è quella di  Fridtjof Nansen: scienziato ed esploratore norvegese che 1922 ricevette il Premio Nobel per la pace dopo aver inventato il Passaporto Nansen un originale documento di viaggio che permise ad apolidi e profughi delle guerre di fuggire ai genocidi e dai totalitarismi, ne beneficiarono 450.000 persone e tra queste alcuni degli artisti che hanno illuminato il secolo scorso: Chagall, Stravinskij e Nabokov. Da questo passaporto venne redatto il documento di viaggio descritto dalla Convenzione di Ginevra del 1951 sullo status dei rifugiati.

“Se noi veramente accettiamo di assistere inerti rimarremo dinanzi alla storia, dinanzi ai nostri figli e ai figli dei nostri figli, come una generazione che gli Dei vollero colpita da cecità e da follia, i cui cuori sono tramutati in pietra”.

A partire da queste parole dello stesso Nansen è stato elaborato il “Certificato di esistenza” uno speciale documento che sarà offerto a chi vorrà raggiungere l'isola itinerante di Espérer, la nuova isola europea che non chiederà passaporti alle sue frontiere. Per farne parte bisognerà soltanto esistere. L’isola di Esperer inizia a prendere forma nel 2015, quando Antonio Damasco, drammaturgo, attore e direttore della Rete Italiana di Cultura Popolare si trovò a dover spiegare alle sue due bambine quello che avveniva sugli scogli di Ventimiglia. A partire dal giugno di quell’anno persone proveniente dai paesi più poveri del continente africano, in transito attraverso l’Italia e diretti in Francia, si fermarono sulla linea di confine, riparandosi sugli scogli per oltre quattro mesi.  Da quella esperienza nacque una favola allegorica, divenuta un libro illustrato da Alice Tortoroglio: “L’immaginifica storia di Espérer” e che oggi grazie al progetto europeo “Specially Unknown”, sostenuto dal AMIF Asylum, Migration and Integration Fund diventa uno spettacolo teatrale che guarda al futuro:

“Si narra di Sollucchero, un paese in cui poche famiglie di giostrai detenevano la quasi totalità delle attrazioni turistiche ed economiche, ma anche di Rien-ne-va-plus, città dell'amore e di un ineguagliato claim pubblicitario in voga da oltre 200 anni: libertè, egalitè, fraternitè. Ma soprattutto si racconta degli scogli che sono sempre stati un luogo senza patria, in alcune storie non completamente appartenenti alla terra ferma ma neanche al mare, spesso popolati da creature mitologiche, come nel caso delle sirene di Ulisse”

Sarà il Teatro delle Forme che porterà in scena a Torino il 29 maggio 2019 presso gli spazi di Off Topic “L’immaginifica storia di Espérer”, insieme ai partner olandesi di BMP - Bevordering Maatschappelijke Participatie, ai tedeschi di LWL - Industriemuseum Westfälisches Landesmuseum e ai belgi del Red Star Museum, perché Espérer è un'isola dell'Europa. Ai cittadini europei del 2050 e a quell'Europa che sarà Espérer racconterà le nostre incapacità di dialogo, di visione, di presa in carico delle fragilità, della diseguaglianza dei primi vent'anni anni del XXI secolo

Poi l'isola comincerà a viaggiare lungo la schiena dell'Italia, facendo tappa presso le realtà di “Indovina chi viene a cena?” un altro progetto della Rete Italiana di Cultura Popolare che coinvolgendo associazioni, cooperative e amministrazioni comunali sta cambiando il modo di pensare l'incontro con le altre culture. Risaliremo da sud a nord dell'Italia per arrivare il 23 giugno al Suq Festival di Genova, dove su un’isola galleggiante al largo del porto della Città, si racconterà il viaggio dell’isola e dell’ Anagrafe di Espérer alla quale sono tutti invitati a iscriversi.

Per sostenere le tappe italiane è stata attivata una campagna di crowfunding sulla  piattaforma “produzioni dal basso”

Sostieni il progetto

 

 

 

 

 
 

Riepilogo date

  • Mercoledì 29 Maggio 2019 21:00