Image

Diario intimo di un territorio

Guida alla scoperta dell’anima dei territori del Piemonte

Un lavoro di ricerca e lettura del territorio, un gioco di coincidenze, imprevisti e memorie scritto insieme agli abitanti per raccontare, fotografare storie e personaggi di una memoria condivisa. Un progetto per scoprire l'anima di un Piemonte in profondo cambiamento ma con tradizioni radicate.

Il lavoro della Rete Italiana di Cultura Popolare realizzato in questi anni a cominciare dalla provincia di Cuneo, dove dopo Bra, sono state raccontate le comunità di Castiglione Tinella, Santo Stefano Belbo, Cossano Belbo, Neive e Barbaresco, dal 2019 avrà una restituzione non solo territoriale grazie alla piattaforma del Diario

Una guida speciale, un prontuario turistico o di indicazioni su percorsi da fare a piedi, in bicicletta o in auto; non una guida che aiuta a scegliere i ristoranti, le trattorie, oppure vini o i cibi migliori e i posti giusti in cui recarsi per fare una buona spesa, ma un viaggio attraverso i luoghi raccontati con gli occhi e le memorie delle  persone che li vivono. Scoprire per esempio Castigione Tinella, attraverso i racconti di Giovanni detto Mario e il sogno di una cantina, oppure di Rosa moglie di Freccia rossa (ultimo partigiano del paese), pagine di vita che si aprono al mondo, sfogliate sotto il polveroso strato della superficialità per conoscere la preziosa opera umana che ha allestito una piccola comunità e che, in alcuni casi, ha contribuito alla grande storia.

Il Diario geolocalizza le storie e permette di vedere i testimoni anche dopo la loro scomparsa, una vera e propria Spoon River dei territori, come questo dialogo ripreso con il Comandante “Freccia rossa”, visto e condiviso oltre 1073 volte.