rete delle feste

Narrazioni di comunità

 

Le relazioni con le comunità che la Rete sviluppa sul territorio nazionale sono sempre alimentate dalla volontà di raccontare  luoghi,  storie, saperi e culture. In questo contesto la Rete utilizza sia la sua capacità performativa di mettere in scena le narrazioni che raccoglie, sia la sua propensione al dialogo e allo scambio che trova espressione soprattutto all’interno dell’organizzazione del Festival delle Culture Popolari.  

Festival delle Culture Popolari

Il Festival dell’Oralità Popolare, denominato Op, come tutte le cose della vita cresce e cambia a partire dal suo nome che dalla XII edizione è diventato il Festival delle Culture Popolari.

Il Festival delle Culture Popolari si dedica a presentare pubblicamente i progetti della Rete che facilitano la trasmissione dei saperi, con la sempre viva consapevolezza che il transito comporta innovazione, creatività e la necessità di trovare linguaggi diversi per reinventare spazi comuni .

La Rete apre le porte dei proprio laboratori per raccontare cosa significa costruire un processo culturale dal basso, mettersi realmente in ascolto delle persone, dei gruppi, dei territori, provando a confrontare esigenze, creatività e idee.

Leggi

 

Il Borgo dei narratori

Il progetto del Borgo dei narratori nasce con l'idea che un'azione culturale non può avere radici se non dentro un humus territoriale, una comunità che lo accolga, trasformi e reinventi per i fruitori di oggi.

Il valore culturale lo individuiamo infatti nel processo, nelle modalità di rapporto e nelle relazioni che sviluppa, un progetto che ha un senso primario nel dialogo con la sua comunità di prossimità, diventa a sua volta anche lo stimolo per la nascita della stessa, scopre nuovi linguaggi, riti e identità culturali composite, contribuendo allo sviluppo di una virtuosa "community care".

Leggi

 

Testimoni della Cultura Popolare ®, Cattedre ambulanti
13 dicembre – Giornata della Cultura Popolare

Il progetto dei Testimoni della Cultura Popolare” costituisce un riconoscimento internazionale per la valorizzazione delle espressioni  un determinato territorio rappresenta, come soggetti che, molto spesso inconsapevolmente, continuano a fare parte di un sistema di valori appartenente ad una idea di tradizione ben riconoscibile, rimettendola in circolo e dialogando con le nuove generazioni. Nel corso degli anni sono stati premiati non solo non solo ricercatori, studiosi, artisti, da Roberto De Simone a Pete Seeger,  ma anche feste e riti risalenti anche a tempi remoti tuttora esistenti che contribuiscono a delineare le peculiarità dei territori.
Memorie e testimonianze vengono diffuse tramite le Cattedre ambulanti, promuovendo scambi culturali fra i vari territori.
La designazione dei Testimoni viene proclamata nella Giornata del 13 dicembre, che giunge alla decima edizione, dedicata alla cultura popolare ed alla quale aderiscono enti pubblici e privati da tutto il territorio nazionale con eventi dedicati.

 

Calendario dei riti e delle feste

Apri

 

TORINO CAMBIA PELLE
Un percorso che racconta la trasformazione della città e dei suoi cittadini dal 1945 a oggi

"Torino cambia pelle" è un percorso e un racconto narrativo, didattico ed emozionale che attraversa la Torino devastata dai bombardamenti, ma finalmente libera dall'occupazione tedesca, e la Torino di oggi attraverso lo strumento multimediale della Web App. E' una guida culturale su e di un territorio, è una mappa digitale, è un percorso di presa di coscienza e consapevolezza a partire dalla memoria storica per dialogare con il presente, reinventandolo. Il progetto prende avvio da una storia orale dedicata che ha a che fare più con la poesia, la letteratura, la sfera emotiva che con l’interpretazione storica pur mantenendo salda la struttura scientifica. Lungo il tragitto, grazie alla Web App è possibile focalizzare i punti d'interesse del percorso, le immagini, gli approfondimenti, i suoni, le testimonianze, i video accompagnati dalla narrazione.

 Leggi